Finalmente Genova si ricongiunge da Est ad Ovest.

Il nuovo Ponte San Giorgio, appena inaugurato, connette nuovamente la A7 e la A10, rimaste scollegate in seguito al crollo del Ponte Morandi.

A causa del posizionamento di sedie, palchi, gazebo per la cerimonia ufficiale del taglio del nastro, la pavimentazione del ponte ha subito qualche leggero avvallamento e ciò ha causato lo slittamento dell’apertura al traffico.

Dopo una rifinitura alla pavimentazione è finalmente giunta l’apertura al traffico del Ponte San Giorgio esattamente alle ore 22 di martedì 4 agosto.

Le auto provenienti da Genova Ovest e da Genova Aeroporto si sono incrociate circa a metà del viadotto salutandosi con il suono dei clacson.

Il segnale che ha dato il via libera all’apertura del ponte è arrivato dalla centrale operativa di Aspi una manciata di secondi prima delle 22: le due segnalazioni luminose che si trovano sull’arco di volta della galleria di Coronata sono passate dal rosso al verde simultaneamente e sono state tolte le due transenne che chiudevano le corsie: il tratto di A10 che unisce il ponente e il levante della città, inaugurato ieri e finalmente completo, è stato riaperto.

Un risultato arrivato grazie a 15 mesi di lavori senza sosta, scenario che sembrava impensabile all’alba del tragico crollo.
Siamo felici di condividere questo risultato avendo giocato in prima persona la nostra parte tramite la fornitura dei servizi del Gruppo a quest’importante e simbolica opera.

Vi diamo appuntamento al prossimo articolo!