Il 1° ottobre è stato varato il primo pezzo dell’impalcato del nuovo Ponte per Genova, l’impalcato lungo 50 metri, largo 26 e alto 5 è stato sollevato da terra tirato da due gru in grado di sollevare 650t per poi essere posato sui sostegni in cima alle due pile, la quinta e la sesta, già realizzate. In cantiere, per un evento di tale importanza, hanno presenziato il premier Giuseppe Conte insieme al ministro dei Trasporti Paola De Micheli, inoltre erano presenti il sindaco Marco Bucci, il governatore ligure Giovanni Toti, l’architetto e realizzatore del progetto Renzo Piano e l’arcivescovo di Genova Angelo Bagnasco.

Ph: PerGenova

Alle 10:00 una sirena ha annunciato l’avvio delle operazioni di varo in quota dell’impalcato, alle 11:17 è stato posato tra le pile 5 e 6. L’impalcato è realizzato in struttura mista acciaio-calcestruzzo, la parte in acciaio dell’impalcato è costituita da tre conci trasversali, così da rendere semplice e veloce la costruzione e il montaggio di più campate in sequenza.

La struttura interna è composta da diaframmi in acciaio così da permettere l’ottimizzazione delle prestazioni dei materiali stessi. L’impalacato sarà completato da una soletta realizzata con elementi prefabbricati in calcestruzzo armato e successivo getto di completamento.

Ph: PerGenova

Il nuovo Ponte sarà costituito da una travata continua di lunghezza totale pari a 1067 metri costituita da 19 campate. L’intera struttura sarà sorretta da 18 pile in cemento armato di sezione ellittica a sagoma costante. Le dimensioni esterne delle pile sono le stesse sia per le campate da 50 che da 100 metri. In totale saranno pompati circa 67.000mc di calcestruzzo.

Per garantire l’uniformità prospettica dell’opera e la velocità di realizzazione verrà utilizzato una sola tipologia di cassero esterno.

La forma richiamerà la carena di una nave e la riduzione graduale della sezione verso le estremità del ponte ne attenuerà l’impatto visivo, inoltre l’utilizzo di un colore chiaro per la verniciatura degli elementi in acciaio renderà il ponte luminoso, armonizzando la sua presenza nel paesaggio.

Nell’attesa di nuovi aggiornamenti dal cantiere vi diamo appuntamento alla prossima settimana con un nuovo articolo!