L’area Mind, Milano Innovation District, era un tempo rappresentata dall’Albero della Vita uno dei simboli di Expo Milano 2015, ad oggi svettano in questa area le alte gru del cantiere Nuovo Galeazzi, i lavori procedono spediti al momento si parla di un piano al mese, ricordiamo che la struttura sarà di ben 16 piani.

Ph: La Prealpina.it

Il Galeazzi è quindi in fase avanzata e sarà pronto entro il 2021 tanto che nel 2022 è stata già programmata una prima conferenza mondiale che riguarderà l’ortopedia. Inoltre questa settimana si è chiuso il bando per costruire nell’area Mind entro il 2024 un nuovo edificio iconico come è stato Palazzo Italia per Expo Milano 2015.

Il Nuovo Galeazzi è un cantiere ben noto al Gruppo Migliaccio partecipando attivamente al record europeo di gettata in partnership con Unical. Quest’opera ha avuto numeri da brivido: sono stati pompati oltre 33.000mc  di calcestruzzo in 90 ore. Il Gruppo ha messo a disposizione per il trasporto e il pompaggio del calcestruzzo ben 32 autobetoniere attive su più turni, 5 pompe che hanno gettato senza mai fermarsi e 2 pompe di scorta pronte ad intervenire in caso di emergenza. Anche il personale attivo è stato ingente: abbiamo schierato ben 82 dipendenti.

Certamente la nostra presenza al Nuovo Galeazzi ci ha permesso un’enorme visibilità che ha contribuito oggi ad essere stati citati come parte attiva ed essenziale del cantiere dalla rivista MC5.0-Macchine Cantieri. Alcune pagine di questo periodico sono state riportate sul sito Sermac nella relativa sezione news.

Il Gruppo Migliaccio ha utilizzato proprio delle pompe Sermac per dare il suo fondamentale contributo al getto della platea, queste le parole di Camillo Migliaccio, fondatore del Gruppo:

“Il getto milanese ha quindi riconfermato il valore delle macchine prodotte dalla società lombarda, da anni interlocutore di punta del gruppo Migliaccio. La nostra scelta ricade ben volentieri su Sermac: la metà delle nostre pompe è Sermac. […] Sia io, sia mio figlio Roberto eravamo in cantiere e possiamo certamente dire che si è trattato di un bel lavoro. Aver partecipato al getto da record ci ha conferito una grande emozione”. Per il pompaggio della platea la società ha utilizzato anche le due pompe Sermac dal braccio più lungo che hanno lavorato dall’inizio alla fine senza mai fermarsi. Grazie alla rinomata qualità e serietà della casa costruttrice e all’esperienza dei nostri operatori le macchine non hanno dato problemi notevoli durante il getto.

[…] Ci siamo affidati a Sermac sin dalla sua nascita, questa casa costruttrice ha dimostrato da sempre di essere affidabile e performante. Abbiamo utilizzato macchine Sermac in passato per grandi opere e le utilizziamo quotidianamente in lavori come il Terzo Valico dei Giovi, la Piattaforma Maersk di Vado Ligure, la Metro4 di Milano, il tratto autostradale della Variante di Valico e l’alta velocità Milano-Bologna. Riteniamo le macchine Sermac molto versatili e maneggevoli, grazie anche alla vasta scelta di mezzi prodotti riusciamo ad utilizzare macchine Sermac sia per grandi opere sia per piccoli lavori. Eravamo sicuri che le macchine Sermac non ci avrebbero deluso ed è per questo che abbiamo deciso di affidare loro questa grande sfida. Oggi possiamo affermare che le aspettative sono state totalmente onorate”.

 

Felici di condividere con voi questo ennesimo traguardo, vi diamo appuntamento alla prossima settimana con un nuovo articolo!