La Trevigiana Maeg Costruzioni di Vazzola firma il Ponte dell’Infinito, opera che vedrà il taglio del nastro tra un mese.

Il nome dell’opera deriva dalla caratteristica forma di otto rovesciato, che ricorda il simbolo matematico dell’infinito.
Si tratta di un lavoro molto complesso in linea con le altre opere di Dubai, la fase di progettazione è iniziata nel 2016, quella di realizzazione vera e propria è iniziata due anni più tardi.

Il viadotto è avvolto da un arco di acciaio, costituito da 46 segmenti che raggiungono l’altezza di 67 metri e la lunghezza della campata di 135 metri, inoltre la careggiata sarà composta da 12 corsie. L’opera ha un peso complessivo di 2.500 tonnellate.

La Maeg, specializzata in costruzioni in acciaio, ha già firmato altri progetti di rilevanza europea e mondiale: cupole come quella in Place Vendôme in Qatar, stadi ancora in Qatar, ma anche quello nuovo dell’Atalanta oltre ad altri svariati progetti.

Il gruppo trevigiano ha fornito la progettazione e la posa in opera delle strutture metalliche realizzate nei propri stabilimenti veneto-friulani. Il montaggio nella prima fase si è basato sull’ancoraggio delle basi con la gettata di calcestruzzo, nella seconda e ultima fase sono state completate tutte le parti visibili che rendono il nuovo ponte un gioiello di tecnologia ed arte quasi sospeso tra cielo e acqua.

Il nuovo Ponte avrà lo scopo di migliorare la viabilità di uno dei quartieri più antichi della città accogliendo anche traffico marittimo all’interno del Dubai Creek.

Nell’attesa del taglio del nastro vi diamo appuntamento al prossimo articolo!