La durata di una infrastruttura dipende da numerose variabili: i recenti crolli di alcune infrastrutture sono spesso imputabili al degrado naturale dei materiali o alla componente sismica, aspetto che attanaglia particolarmente la nostra penisola.

Essendo i ponti un tramite imprescindibile per molte strade della nostra viabilità pensinsulare è sicuramente urgente una valutazione della sicurezza e un eventuale intervento di riabilitazione strutturale nel caso dei ponti in cls.

i.lab, il Centro Ricerca e Innovazione di Italcementiha sviluppato una soluzione in microcalcestruzzo fibrorinforzato ad altissime prestazioni (Ultra High Performance Fiber Reinforced Concrete – UHPFRC) per l’adeguamento strutturale e sismico dei ponti. Questo materiale è un connubio perfetto per rapidità ed economicità, dato che l’utilizzo di questo mix di cls rende non necessaria la sostituzione dell’intera struttura. Nello specifico si tratta della miscela i.power RIGENERA disponibile grazie alla rete commerciale di Calcestruzzi.

Test pila UniBS.

Ph: Italcementi

Le prestazioni di questo materiale prima di essere stato applicato, sono state studiate presso l’Università degli Studi di Brescia e presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. La tecnica di rinforzo è stata sperimentata anche tramite simulazione sismica e si è visto che il rivestimento UHPFRC ha migliorato la risposta sismica allo Stato Limite Ultimo aumentando il carico laterale sismico di oltre il 70% rispetto all’elemento non rinforzato. La presenza di fibre, inoltre, attenua lo sviluppo delle fessure e produce una distribuzione diffusa di microfratture non visibili a occhio nudo e, dunque, meno problematiche per la durabilità.

i.power RIGENERA viene applicato tramite applicazione di strati sottili (fra 30 e 150 mm) di UHPFRC intorno o sopra elementi in calcestruzzo armato esistenti, come pile, travi o impalcati da ponte. Tali operazioni non sono invasive e consentono, in molti casi, di non interrompere l’uso dell’infrastruttura con benefici per la gestione della rete stradale.

Nell’attesa di prossimi aggiornamenti vi diamo appuntamento alla prossima settimana!